Bitcoin, presto sostituiranno i soldi cartacei

Le criptovalute stanno cambiando il modo di approcciare alla moneta, nonostante il loro saliscendi di valore all’interno del mercato azionario. Gli esperti però si dicono fiduciosi s sono pronti a mutare tutto l’assetto economico.

bitcoin

Lo sa bene anche il CEO di Tesla e SpaceX Elon Musk, il quale sostiene che la struttura di Bitcoin (BTC) è un valido strumento di cui avvalersi. Per tanto si può dire che la criptovaluta “sia un modo decisamente migliore di passare da un valore del soldo cartaceo a quello virtuale. Questo almeno è quanto dichiarato lo scorso 19 febbraio, durante un episodio del podcast di ARK Invest.

Bitcoin: il parere di Musk

Elon Musk ha dato la massima risposta su quanto crede opportuno mettere davanti agli occhi per le monete virtuali. Il CEO mette in risalto tutta la tecnologia all’avanguardia della moneta digitale. Egli tuttavia ha spiegato che “uno dei lati negativi è l’alto consumo energetico. Dovrebbe pertanto esistere una sorta di limite alla creazione di nuove criptovalute. A questo punto generare Bitcoin è diventato davvero pesante dal punto di vista energetico.”

Un tal senso l’esperto crede che fare parte del settore delle criptovalute si appresta ad essere un valido strumento in questa società. Tanto che, il principale obiettivo di Tesla è quello di sfruttare la moneta per avanzare il funzionamento di energie ecosostenibili. Motivo per cui in molti si spingono all’uso del nuovo software Bitcoin.

Cosa vuol dire utilizzare monete digitali

Secondo Musk poi, le monete digitali “aggirano i normali controlli valutari […] il denaro cartaceo sta scomparendo, e le monete digitali sono una maniera decisamente migliore di trasferire valore rispetto a dei pezzi di carta, questo è sicuro.”

A dimostrazione di quanto, lo scorso anno, Musk appena un anno fa aveva postato su Twitter di essere in possesso soltanto di 0,25 BTC, che aveva ricevuto in regalo da un amico molti anni fa.

Non solo il CEO Tesla vanta i benefici offerti da Bitcoin che possono non solo sostituire il denaro tradizionale, ma anche essere sfruttati in altri ambiti. Come i Bitcoin anche le altre criptovalute vengono vantate. Tipico esempio è dato da Mike Novogratz, vecchio collaboratore di Goldman Sachs e fondatore di Galaxy Digital, il quale sostiene che: “Ci sono 118 elementi sulla tavola periodica, ma soltanto uno di questi è oro […] Bitcoin diverrà l’oro digitale, un luogo che consente di possedere denaro sovrano. Non sono soldi statunitensi o cinesi, sono sovrani. E la sovranità costa parecchio, come è giusto che sia.”

E ancora Jack Dorsey, fondatore sia di Twitter che Square, ha invece dichiarato durante un’intervista: “Bitcoin vuole più di tutti essere una moneta, mentre gli altri hanno obiettivi di carattere generale oppure legati all’elaborazione distribuita di dati. Penso che il settore delle altcoin abbia generato alcune idee meravigliose, ma sono personalmente interessato all’aspetto monetario e transazionale”.

Lascia un commento